ANBO VIII - Res Aeronautica

Vai ai contenuti

Menu principale:

L'ANBO VIII era un bombardiere leggero da appoggio tattico progettato da Antanas Gustaitis al fine di dotare le forze aeree del piccolo stato baltico della Lutuania di un aparecchio per l'attacco al suolo ed allo stesso tempo capace di compiere missioni di ricognizione.
I lavori di progettazione risalgono al 1937 e l'anno seguente iniziò la costruzione del primo prototipo commissionato dalle autorità presso l'industria aeronautica della ANBO.
Il velivolo si proponeva come un interessante monoplano a carrello fisso, vagamente somigliante al bulgaro DAR-10, provvisto di ala bassa, tettuccio chiuso e teoricamente spinto da un radiale Bristol Hercules, che in realtà sarà poi sostituito con un Bristol Pegasus.
Mentre il prototipo veniva ultimato, il governo si mosse per l'attivazione di una linea produttiva, che avrebbe dovuto nelle intenzioni sfornare almeno 60 esemplari del bombardiere: nonostante gli sforzi, però, il progressivo accentuarsi delle tensioni internazionali ed il successivo scoppio della guerra provocarono serie difficoltà nell'approvigionamento di materie e materiali fondamentali per la realizzazione di apparecchiature belliche.
Tale situazione portò in primo luogo ad un sensibile accumulo di ritardi nella costruzione del prototipo, che non riuscì a volare prima dell'avanzato settembre 1939, e di fatto bloccò sul nascere ogni volontà di intraprendere l'apertura di una seria linea produttiva.
Impossibilitati nella costruzione del bombardiere, le autorità non poterono fare altro che portare a termine un piccolo ciclo di collaudo del prototipo, dal quale pare che siano emerse delle sufficienti prestazioni e delle discrete capacità complessive.
Nonostante le accettabili doti, il bombardiere, che aveva ricevuto la designazione ufficiale di ANBO VIII, fu vittima di un inglorioso destino: con l'annessione della Lituania nell'Unione Sovietica, infatti, l'aereo, come quasi tutti quelli prodotti in quel periodo nei tre stati baltici, venne requisito dalle autorità militari russe per lo svolgimento di ulteriori valutazioni.
Purtroppo le fonti nulla dicono riguardo al destino della macchina e si limitano ad indicare la sopracitata confisca da parte sovietica, dato che si fermano a tale informazione senza indicare che cosa dell'aereo si fece una volta ultimate le valutazioni russe.
Probabilmente, ma tale è la personale opinione dell'autore ed è priva di riscontri ufficiali, il bombardiere dopo essere stato collaudato da personale sovietico venne demolito o utilizzato come addestratore.
Dati TecniciANBO VIII:
Propulsore:1 Bristol Pegasus XVIII.
Tipologia:Radiale.
Potenza:930 hp.
Velocità Massima:411 km/h.
Tangenza Operativa:9.000 m.
Autonomia:600 km.
Armamento:4 mitragliatrici da 7,7 mm.
1 mitragliatrice dorsale da 7,7 mm.
Carico Utile:400 - 600 kg.


Nessun commento
Torna ai contenuti | Torna al menu