Avia S-99 - Res Aeronautica

Vai ai contenuti

Menu principale:

Durante la seconda guerra mondiale, la Germania aveva imposto alle fabbriche Avia di partecipare alla realizzazione del Messerschmitt Bf-109.
Com'è noto, la produzione dell'aereo fu portata avanti per tutta la durata del conflitto e una volta cessate le ostilità, un certo quantitativo di materiale inutilizzato venne stoccato in deposito per essere successivamente demolito.
In ogni caso la storia del velivolo era ancora lontana dall'essere conclusa: nella ricostituita Cecoslovacchia, infatti, l'Avia continuò a produrre il Bf-109 G sfruttando la grande quantità di parti, fusoliere e motori rimasti nei suoi magazzini.
L'aereo venne rinominato S-99 e di fatto era un Bf-109 G-14, spinto da un Daimler-Benz DB 605 AM.
L'apparecchio fu, però, prodotto in quantità limitate, in quanto un incendio, scoppiato nella raffineria di zucchero dove i motori erano stati immagazzinati, portò alla distruzione delle unità propulsive e l'aeroplano dovette essere pertanto rimotorizzato con motori Jumo: venne così portato alla luce l'Avia S-199.
In totale dell'S-99 vennero costruiti 22 esemplari, più due in versione biposto da addestramento, denominati CS-99.
L'apparecchio non si differenziava molto dal modello tedesco e manteneva intatta l'intera struttura, completamente metallica a parte i piani di coda in legno.
Dati TecniciAvia S-99:
Propulsore:1 Daimler-Benz DB 605 AM.
Tipologia:In Linea.
Potenza:1.800 hp.
Velocità Massima:650 km/h.
Tangenza Operativa:12.200 m.
Autonomia:560 km.
Armamento:2 mitragliatrici da 13 mm.
1 cannoncino da 20 mm.
Carico Utile:N/A.


Nessun commento
Torna ai contenuti | Torna al menu