EKW C-35 - Res Aeronautica

Vai ai contenuti

Menu principale:

Verso la fine degli anni Venti, la Svizzera si assicurò la licenza produttiva del ricognitore Fokker C-Ve, che si esaurì in un totale di 48 esemplari. Interessate ad un possibile aggiornamento del velivolo, le autorità elvetiche promossero nella metà degli anni '30 lo studio di un aereo con cui sostituire il mezzo olandese.
Mancando di adeguata esperienza nel campo della progettazione, l'EKW decise che, per rispondere alle richieste ministeriali e per creare una macchina affidabile in tempi brevi, sarebbe stato meglio ralizzare un nuovo aeroplano partendo dalle esperienze acquisite con la costruzione del biplano Fokker.
Per questo motivo, nel 1934 la fabbrica svizzera propose i disegni di un apparecchio fortemente ispirato al C-Ve, da cui, oltre a prendere numerose componenti, si differenziava per l'adozione di un motore Hispano-Suiza 12Ycrs da 860 hp, in luogo del radiale scelto dalla Fokker per il proprio aeroplano, e per l'aumento dell'armamento mediante l'installazione di un cannoncino da 20 mm facente fuoco attraverso il mozzo dell'elica.
Il progetto, presentato nel 1934 e che aveva ricevuto la denominazione ufficiale di C-35, venne accettato dalle autorità e l'anno seguente vennero condotti i primi test sui dui prototipi precedentemente ordinati e realizzati.
Durante i test furono inevitabilmente condotte delle attente comparazioni con il Fokker C-Ve: dalle prove emersero delle buone doti complessive del C-35 e le prestazioni che questo garantiva risultarono nettamente superiori rispetto all'aereo olandese.
Una volta accettato dalle autorità, il C-35 fu messo in produzione su larga scala, produzione che proseguirà fino al 1938 totalizzando 88 aerei costruiti.
Da un punto di vista concettuale, il C-35 era un velivolo progettato per assolvere compiti di vario genere: in linea di principio, infatti, il mezzo soveva essere utilizzabile tanto come ricognitore, quanto come aereo da caccia ed attacco al suolo, visto il buon armamento adottato e la capacità di caricare un centinaio di kg di carico bellico in attacchi esterni.
Sebbene l'ampio ventaglio di possibili ruoli, alla fine il velivolo venne inquadrato essenzialmente in compiti di ricognizione e bombardamento leggero, dato che per la caccia era stato acquistato materiale provveniente dall'estero, curiosamente sia di origine francese sia di nascita tedesca.
Come accennato la produzione del C-35 raggiunse gli 88 esemplari di serie, cui vannio aggiunti i due prototipi costruiti fra il 1934 ed il 1935, i quali entro lo scoppio della seconda guerra mondiale erano stati già tutti consegnati e risultavano operativi presso sei squadroni di prima linea.
Per quanto concerne la vita operativa del C-35 e la sua carriera bellica, va sottolineato come il mezzo partecipò alla difesa della neutralità svizzera svolgendo di fatto soltanto ruoli di ricognizione, senza quasi mai entrare in diretto contatto forze nemiche: unico caso di scontro diretto con formazioni straniere fu registrato il 4 giugno 1940, quando un gruppo di C-35 durante una ricognizione di confine intercettò un grosso gruppo di aerei tedeschi, sia caccia che bombardieri, che aveva sconfinato sullo spazio aereo elvetico.
Dopo tale episodio, risoltosi con la perdita di svariati aerei da parte svizzera, la vita del C-35 procedette abbastanza tranquillamente, anche se non mancarò un episodio di combattimento, ma questa volta non cercato: a quanto ci viene segnalato dai lettori (si ringrazia Motogio per l'informazione), già l'8 giugno 1940 un solitario EKW C-35 durante una ricognizione fu intercettato ed abbattuto da due Messerschmitt Me 110.
Nonostante le perdite ed il suo naturale invecchiamento, il biplano venne impiegato come ricongnitore fino al termine delle ostilità, anche se già prima della fine della guerra ne era stato impostato il graduale ritiro dalla prima linea.
Una volta sopraggiunta la pace, il C-35 proseguì la propria carriera presso le forze aeree della Svizzera fino al 1954, anno in cui venne definitivamente ritirato, svolgendo compiti secondari di collegamento e di scuola aerea.
Fortunatamente un esemplare del velivolo è conservato in ottime condizioni al Flieger Flab Museum di Dubendorf.
Dati TecniciEKW C-35:
Propulsore:1 Hispano-Suiza 12Ycrs.
Tipologia:In linea.
Potenza:860 hp.
Velocità Massima:335 km/h.
Tangenza Operativa:8.000 m.
Autonomia:750 km.
Armamento:1 cannoncino da 20 mm.
2 mitragliatrici da 7,92 mm.
1 mitragliatrice difensiva dorsale da 7,92 mm.
Carico Utile:100 kg.


Nessun commento
Torna ai contenuti | Torna al menu