IAR 13 - Res Aeronautica

Vai ai contenuti
La storia dello IAR 13 risale al 1933, quando Elie Carafoli cercò di progettare un velivolo con cui rimpiazzare il fallimentare IAR 12, apparso senza troppe fortune e qualità l'anno precedente.
L'idea di base del caccia rimaneva sostanzialmente invariata, trattandosi di un velivolo monoplano ad ala bassa dalle piccole dimensioni dotato di carrello fisso, tettuccio chiuso e dalla costruzione mista, ma diversamente motorizzato.
A differenza del predecessore, infatti, lo IAR 13 eliminò il lacunoso ed aerodinamicamente ingombrante Lorraine-Dietrich con i cilindri disposti a "W" in favore di un più tradizionale e più potente Hispano-Suiza 12Mc, con il quale l'apparecchio poteva ricevere linee più pulite e curate.
Insieme al nuovo propulsore, comunque, vennero introdotti nuovi piani di coda verticali ed il carrello subiva una modifica alla relativa geometria delle gambe.
I lavori non furono particolarmente lunghi ed entro la fine del 1933 il primo prototipo riuscì ad essere portato in volo per i collaudi iniziali, dai quali emerse che la macchina possedeva ottime prestazioni e caratteristiche di volo particolarmente positive.
Nonostante le qualità dell'aeroplano, però, il governo rumeno preferì orientare le proprie preferenze sullo P.Z.L. P.11 e l'apparecchio di Carafoli rimase accantonato.
All'autore non sono note le motivazioni di questa decisione, dato che lo IAR 13 si proponeva come una macchina decisamente più moderna del concorrente polacco, ma è probabile che molto peso abbiano avuto le difficoltà ed i costi per l'importazione del motore Hispano-Suiza, i quali, uniti alle spese per una ipotetica costruzione, probabilmente finirono col rendere l'apparecchio troppo oneroso.
Del resto fu anche nell'ottica di superare tale limite economico e produttivo che alla IAR, per nulla abbattuti dal rifiuto ministeriale, decisero di realizzare lo IAR 14; un'ulteriore evoluzione del velivolo con cui però si faceva ritorno al Lorraine-Dietrich dello IAR 12, del quale si possedeva la licenza di costruzione.  
Il profilo a colori è frutto della fantasia dell'autore.
Dati TecniciIAR 13:
Propulsore:1 Hispano-Suiza 12Mc.
Potenza:500 hp.
Tipologia:In Linea.
Velocità Massima:330 km/h.
Quota Massima:N/A m.
Autonomia:N/A km.
Armamento:2 mitragliatrici da 7,7 mm.
Carico Utile:N/A kg.


Nessun commento
Torna ai contenuti | Torna al menu