Renard Epervier - Res Aeronautica

Vai ai contenuti

Renard Epervier

Il Renard Epervier fu un velivolo da caccia progettato e realizzato in Belgio sul finire degli anni Venti.
Disegnato dai fratelli Georges e Alfred Renard, l'aeroplano fu proposto nel 1927 in risposta ad una specifica ministeriale con cui il governo belga richiedeva la realizzazione di un nuovo aereo da combattimento.
Dotato di linee spigolose ma relativamente moderne, almeno se confrontate agli standard dell'epoca, il progetto impressionò sufficientemente le autorità militari, le quali richiesero la costruzione di due prototpi.
Denominato Epervier (Sparviero) Type 2, l'apparecchio si proponeva come un interessante monoplano ad ala alta parasole, tettuccio aperto e carrello fisso, la cui unità motrice doveva essere assicurata da un Hispano-Suiza 12J a cilindri in linea.
Sfortunatamente, tale propulsore non si rese disponibile ed i progettisti dovettero ripiegare sul radiale Gnome-Rhone Jupiter VI da 480 hp di potenza.
Nonostante il cambio di motorizzazione, comunque, il primo dei due esemplari commissionati, realizzato presso la Stampe et Vertongen, riuscì ad essere protato in volo già nel 1928, ma il relativo ciclo di collaudi non ebbe vita lunga: nell'ottobre dello stesso anno, infatti, il caccia non riuscì ad uscire da una vite e finì col distruggersi al suolo.
Perduto il primo prototipo, pertanto, i test dovettero proseguire sulla seconda macchina, la cui costruzione era stata affidata alla SABCA e sulla quale erano state apportate svariate modifiche di diesgno, come l'eliminazione delle vistose carenature delle ruote anteriori del carrello ed una migliore, anche se leggera, pulizia aerodinamica generale.
Così modificato, il velivolo, che ricevette la denominazione di Epervier Type 2bis, fu riproposto alle autorità militari in occasione di una competizione, indetta nel 1930 dallo stesso ministero, per il confronto con apparecchi di origine straniera: sebbene si trattasse di un aeroplano piuttosto moderno per i tempi, il caccia non venne preso in considerazione dall'aeronautica belga, che gli preferì il Fairey Firefly.
Nonostante il rifiuto ministeriale, però, i Renard portarono avanti per breve tempo il progetto dell'aeroplano, arrivando a configurare un Epervier Type 3 spinto da un Rolls-Royce F , dotato di una nuova ala e dalla costruzione mista, mentre la macchina precedente era interamente metallica: a quanto risulta, il nuovo programma venne inizialmente finanziato dal governo, ma sembra che tale appoggio non durò a lungo e non sono giunte all'autore ulteriori notizie a riugardo.
Il profilo a colori qui proposto è frutto della fantasia dell'autore.
Dati TecniciRenard Epervier Type 2bis:
Propulsore:1 Bristol Jupiter VI.
Potenza:480 hp.
Tipologia:Radiale.
Velocità Massima:273 km/h.
Tangenza Operativa:9.300 m.
Autonomia:620 km.
Armamento:2 mitragliatrici da 7,92 mm.
Carico Utile:300 kg.


Nessun commento
Torna ai contenuti | Torna al menu