Westland P.14 Welkin Mk I - Res Aeronautica

Vai ai contenuti

Westland P.14 Welkin Mk I

Mosso dalla preoccupazione di subire attacchi e bombardamenti dalle alte quote, il ministero birtannico emise nel 1940 una specifica con la quale si richiedeva la realizzazione di un intercettore capace di toccare buone velocità ad altitudini particolarmente elevate, le quali ovviamente dovevano essere raggiunte nel più breve tempo possibile.
Nonostante le esigenze della richiesta, svariate case costruttrici si presentarono come possibili concorrenti, fra cui la Fairey, l'Hawker e la Westland, la quale risultò vincitrice e che fu incaricata per la costruzione di un prototipo del proprio progetto, che aveva inizialmente ricevuto la denominazione di fabbrica di Westland P.14.
Nonostante il concorso si fosse concluso favorevolmente per la fabbrica Westland, già nel 1941, prima ancora che venisse ultimato il primo prototipo, il governo brtannico emanò un'ulteriore specifica ministeriale, con la quale si ricalcavano in buona sostanza le stesse disposizioni di quella dell'anno precedente e si faceva per l'appunto richiesta di un intercettore d'alta quota.
Sotto gli sviluppi dei nuovi concorsi governativi, tecnici e progettisti rivisitarono il P.14 al fine di meglio adattarlo alle peculiarità della nuova gara, che prevedeva l'installazione di una cabina pressurizzata e la possibilità di operare anche a grandi distanze.
Pur mantenenendo la configurazione studiata in precedenza, ovvero la formula bimotore ampiamente basata sul precedente e poco fortunato Whirlwind, il Westland P.14, o meglio il suo prototipo, venne nuovamente presentato alle autorità e nel 1942 poterono finalmente essere compiuti i primi voli di collaudo.
A rigor di cronaca, va precisato che al concorso parteciparono anche l'Hawker, la quale presentò in pratica lo stesso progetto della richiesta del '40, ovvero il P.1004, e la Vickers, che propose il proprio Type 432, di cui si realizzò un prototipo, ma se ne parlerà in apposito post.
Tornando al programma Westland, il velivolo fu giudicato soddisfacente, anche se erano emersi alcuni problemi di maneggevolezza, e se ne intraprese la costruzione in serie con la nuova denominazione di Westland Welkin Mk I.
Nonostante le buone volontà, il Welkin fu vittima dell'evolversi delle ostilità: al 1942, infatti, il pericolo di attacchi tedeschi in quota sembrava essere ormai definitivamente scongiurato e l'esigenza di un intercettore per tali altitudini venne rapidamente scemando.
Privato della sua ragion d'essere, pertanto il bimotore rimase accantonato e la sua produzione venne presto arrestata dopo soli 75 apparecchi costruiti (alcune fonti riportano numeri diversi con stime al ribasso), peraltro mai consegnati ad alcun reparto operativo.
Del destino di tali aeroplani si conosce poco: utilizzati in scopi di sperimentazione e ricerca per il volo alle alte quote, tutti i velivoli finirono con l'essere distrutti o demoliti nel proseguio della guerra.
Discorso a parte merita il Westland Welkin Mk II, di cui si rinvia la trattazione in apposito post.
Dati TecniciWestland P.14 Welkin Mk I:
Propulsore:2 Rolls-Royce Merlin 76/77.
Potenza:1.250 hp ciascuno.
Tipologia:In Linea.
Velocità Massima:620 km/h.
Tangenza Operativa:13.000 m.
Autonomia:2.380 km.
Armamento:4 cannoncini da 20 mm.
Carico Utile:N/A kg.


Nessun commento
Torna ai contenuti | Torna al menu